Email: info@iprmarketing.it
Email: info@iprmarketing.it

Sondaggio IPR Marketing per “La Repubblica.it”. Fiducia ai Ministri: nessuno perde punti

 

ROMA – Per la prima volta dal mese di maggio, a ottobre nessun ministro del governo perde la fiducia. È il risultato dell’ultimo sondaggio realizzato per Repubblica dall’Istituto Ipr Marketing sull’indice di gradimento dell’esecutivo Renzi. Un’inversione di tendenza che fa aumentare in un mese (rispetto cioè a settembre) la fiducia media a tutta la squadra da 20.2 a 21, segnando quindi un aumento dello 0.8%.

“Probabilmente gli effetti della Legge di Stabilità sono i maggiori driver di questo aumento – spiega Antonio Noto, direttore dell’istituto di ricerche –  anche perchè il ministro che aumenta in misura considerevole la fiducia è Pier Carlo Padoan, che guadagna in un mese il 3% passando dal 37 al 40%”. Pertanto il responsabile dell’Economia rimane saldamente in testa alla classifica per il decimo mese consecutivo, seguito a notevole distanza (10 punti) dai ministri delle Politiche Agricole Maurizio Martina e delle Infrastrutture Graziano Del Rio, entrambi comunque in aumento con un tondo 30% (rispetto al 29% di settembre).

TABELLA: LA CLASSIFICA DI MINISTRI A OTTOBRE

Al quarto posto un altro pari merito tra il guardasigilli AndreaOrlando ed il titolare del Viminale Angelino Alfano, entrambi al 26%, anche se il ministro dell’Interno è in aumento di 2 punti. Gli altri ministri che aumentano il livello di fiducia sono quello dei Beni Culturari Dario Franceschini, quello degli esteri Paolo Gentiloni, il responsabile del Lavoro Giuliano Poletti e la ministra delle Riforme Maria Elena Boschi. Quest’ultima è risalita di 3 punti dopo il minimo che fece registrare nel mese di Agosto, probabilmente in relazione allo scandalo di Banca Etruria.

“In generale, quindi, per la prima volta nessun ministro perde fiducia, ad aumentarla sono 8 ministri sui 14 testati, quindi la maggioranza”, aggiunge Noto. E ricorda che anche questa volta  “non è stato possibile testare la fiducia del titolare dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e di quello degli a Affari Regionali Enrico Costa, in quanto continuano a far registrare un livello di notorietà molto basso.

 

fonte “La Repubblica.it”

Visualizza la tabella

 

ul.sidebar_widget { background-color: #bebebe!important} #sidebar, #sidebar a {color: #18255a!important;} a.postshareicon-pinterest-wrap {display: none!important;}

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi